Kind of papera che non galleggia

– «In principio era il verbo.»
– «Ah, io credevo il soggetto. Ma infatti, se senti il Maestro Yoda…»
– «Caserta, fai poco lo spiritoso che vojo vedè come ve la cavate cor riscaldamento globale.»
– «Eh vabbè, moriremo tutti, che vuoi che sia? Mica sarebbe la prima volta.»
– (a bassa voce): “Questo moo mettete nel terzo girone.»
– «Guarda che t’ho sentito, sa? Al terzo girone* so’ tutti amici miei. Come niente t’arrivo in finale e vinco ai rigori. Lo sai come siamo fatti noi italiani…»
– (a bassissima voce): «Chiamame ‘n po’ er canaro che c’ho un lavoretto per lui.»
– «Mi scusi Eminenza…»
– «Non me chiamà Eminenza che quello è n’artro che te lo raccomando proprio.»
– «Come la devo chiamare?»
– «Miles va bene. È informale ma incute ancora un certo timore.»
– «Senta, signor Miles, qua i musicisti stanno tutti a morì de fame.»
– «Figliolo, io tutto quello che potevo fà l’ho fatto.»
– «Eh, lo so, ma infatti pe’ carità, chi te dice niente? Anche se tutta quella roba pop…»
– «Lo vedi che ‘n c’hai capito niente?»
– «Lo so, lo so, ma infatti sto a studià un po’ di tutto, eh.»
– «Bravo, vai a studià un po’ di tutto, va.»
– «Signor Miles, ma tutto tutto? Pure Nino D’Angelo?»
– «A parte che a me Nino D’Angelo me piace, lo sanno tutti. Ma perché, se te paga, che fai, non ce vai?»
– «A voja! Ma magari.»
– «Bravo! Allora vai, va! E continua a studià che su Giant Steps in 13/8 te sento ancora un po’ indeciso.»
– «Ma a me ‘sti tempi dispari non è che me convincono troppo.»
– «Ma stai a scherzà? L’hai sentito quel ragazzetto? Bread…»
– «…Mehldau, sì. Che poi ‘nsomma, non è più tanto un ragazzetto manco lui.»
– «Ma quello te fa All The Things in 7/4 che t’esplode l’auditorium.»
– «Se è per questo ce stanno certi ragazzetti su youtube che aiutame a dì levate proprio.»
– «Bravo. Lo vedi che hai capito?»
– «Ho capito, sì. Me tocca imparà pure ‘sti tempi dispari, eh?»
– «E vedi un po’ te!»
– «Signor Miles, me sa che era meglio che non la disturbavo.»
– «Eh, ormai (…) Sai che c’è? Già che stai qua, vai un po’ a trovà quel bassista un po’ matto. Te fai dà ‘na lezione.»
– «Signor Miles, ma è vero che qua state sempre a fà jam session? A me dopo cena me viè l’abbiocco. Questi suonano fino all’alba, li mortacci loro.»
– «Devi mangià leggero, fjo mio.»
– «Signor Miles, ma perché parla romano?»
– «Qua se possono studià le lingue e siccome io sò sempre stato un po’ coatto… me piaceva il romano, vabbè?»
– «Vabbè, vabbè, non te ‘ncazzà. Grazie Signor Miles.»
– «E non me chiamà Signor Miles.»
– «Va bene, Signor Miles. Mò devo proprio scappà, ciao.»
– «Ciao secco.»

* terzo girone: bestemmiatori, sodomiti, usurai e musicisti